1

App Store Play Store Huawei Store

Schermata 2022 07 09 alle 11.48.44

BROVELLO CARPUGNINO - 09-07-2022 -- All'alba di oggi, sabato 9 luglio, dalla spiaggia di Hendaye affacciata sull’oceano Atlantico, Laura Trentani, da Brovello Carpugnino, ha dato inizio alla sua sfida: percorrere tutti i Pirenei francesi, sul tracciato del GR10, per 850 Km sino all’arrivo fissato Banyuls sur mer sulle coste del Mediterraneo in 12 giorni.
Una prova che la vede protagonista nella variante ovest-est del famoso tracciato sul quale si corre la Transpyrenea, la corsa in montagna più lunga del mondo con un dislivello complessivi di 60.000 metri, il cui record di percorrenza attualmente appartiene al francese Thierry Corbarieu che nel 2018 è giunto al traguardo in 12 giorni e 10 ore.
"Il viaggio in realtà è iniziato già mercoledì sera con 800 km di auto e altrettanti di treno per raggiungere Hendaye – racconta Trentani – Cercherò di aggiornare costantemente i miei social benché non sia proprio il mio forte, perché questa volta il progetto richiede anche da parte mia la massima condivisione. La mia sfida “Io corro per una scatola di fagioli” nasce, infatti, da un sogno per un altro sogno. La condivisione della mia ormai prossima avventura sui Pirenei francesi vuole così richiamare l’attenzione su un progetto ben più grande e più meritevole della mia sfida: un piccolo villaggio, dove i bambini sorridono nonostante abbiano molto poco".
La sua impresa è legata a Misheni na Ukarimu, l’associazione Onlus che da diversi anni porta avanti numerosi progetti a Mida in Kenya e dove, grazie ai fondi raccolti in questa nuova avventura, si accinge ad avviare e rendere operativo un ambulatorio medico. Per sostenere Trentani e contribuire al progetto benefico sarà sufficiente collegarsi al sito www.missionecarita.it e donare anche solo 1 Euro, il costo medio appunto di una scatola di fagioli, alimento fondamentale nella dieta dei bimbi della scuola.
Trentani affronta il percorso in solitaria e in totale autosufficienza: "Tutti i pacchi con i rifornimenti e i cambi che ho spedito dall’Italia per gestire autonomamente l'impresa sono giunti a destinazione. Questa volta ho alzato ancora l’asticella, forse troppo? Come sempre lo scoprirò solo lungo il percorso. Ora non mi rimane che riposare come si deve e poi godermi il viaggio, stringendo i denti quando sarà necessario, mantenendo sempre una giusta dose di paura e attenzione ai particolari e non dimenticando mai un po’ di sana autoironia. In molti mi hanno chiesto perché il numero 12 sul mio pettorale. Non è un richiamo al mio obiettivo, come si potrebbe pensare, ma corrisponde al numero di cani con cui ho avuto ed ho la gioia di vivere e che insieme con me, se la fortuna sarà dalla nostra parte, taglieranno il traguardo".
L’impresa di Trentani può essere seguita sul suo profilo Facebook, dove pubblicherà quotidianamente aggiornamenti.

 


Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.