1

salmonellosi

VERBANIA – 06.06.2018 – Erano stati insieme al ristorante

e, il giorno dopo, si sono sentiti male. Una mezza dozzina di persone, la scorsa settimana, s’è recata al Dea del “Castelli” di Pallanza lamentando dolori allo stomaco e all’intestino, nausea, crampi e febbre, tutti sintomi apparentemente riconducibili a un’intossicazione alimentare. Intossicazione confermata successivamente dalle analisi e dalle colture batteriche sviluppate dalle feci raccolte dai soggetti finiti all’ospedale, nel cui organismo stava proliferando il batterio della salmonella. La salmonellosi è una delle più comuni infezioni che si trasmettono tramite gli alimenti. Il batterio si annida nelle feci degli animali e dell’uomo e, se il cibo è contaminato (uova sporche, per esempio, o latte contaminato non pastorizzato), si propaga facilmente. Nel corpo entra per via orale. Il batterio di moltiplica e provoca forti dolori, diarrea e s’accompagna anche alla febbre. L’organismo lo debella naturalmente in qualche giorno oppure viene curato con cicli di antibiotici.

Nei casi riscontrati al Dea del “Castelli”, già segnalati per gli opportuni approfondimenti all’Ufficio di Igiene pubblica dell’Asl Vco, i pazienti hanno detto di aver mangiato tutti allo stesso ristorante verbanese. Si sospetta che l’alimento contaminato fosse, così almeno si deduce da quanto raccontato dai pazienti, un tiramisù. Accertamenti sono in corso.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.