1

c provle sindaci

VERBANIA - 31.05.2018 - Solo 22 su 76 comuni

erano presenti ieri sera all’assemblea dei sindaci indetta per discutere dello stato di emergenza della viabilità e per approvare il bilancio consuntivo 2017. Con questo esiguo numero non s’è raggiunto il numero legale; l’assemblea è saltata lasciando al presidente Stefano Costa un sentimento di rabbia e delusione perché riteneva che la richiesta dello stato di emergenza fosse un tema sentito dai colleghi sindaci. Al d fuori dell’ufficialità, i presenti hanno informalmente parlato delle ultime novità, a partire dalla statale 34 del Lago Maggiore, per la quale il sindaco di Cannobio Giandomenico Albertella ha sottolineato come finalmente è stata pubblicata la delibera del Cipe con cui si spera di poter partire con i lavori a inizio 2019. Presenti all’incontro anche le sigle sindacali, le associazioni di categoria e gli esponenti del tavolo del frontalierato, in particolare Franco Borsotti è intervenuto sottolineando come l’organo assembleare ne esca sconfitto tanto da chiedersi: “che cosa vuole veramente questo territorio?”. A conclusione della riunione, il Consiglio provinciale si è ritrovato per il parere confermativo del rendiconto di bilancio 2017 che ancora una volta viene rinviato, per mantenere fede alle formalità prescritte dallo Statuto e richiamate dal consigliere Luigi Spadone, ad una seconda convocazione dell’assemblea dei sindaci per il prossimo 6 giugno.

Il consigliere Rino Porini ha fatto invece approvare all’unanimità un ordine del giorno che invita il presidente a chiedere alla Regione di attivare le procedure di ricorso giudiziarie ed amministrative affinché venga ripristinata l’autonomia della Camera di commercio. Sempre all’unanimità è stata approvata la modifica della convenzione di Segreteria provinciale.

Samuel Piana

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.