1

s ber com

VERBANIA – 19.12.2017 – No alla nuova centralina idroelettrica

sul torrente San Bernardino. È questa la valutazione – tutta politica, perché sul piano tecnico il Comune non è parte in causa – che il Consiglio municipale di Verbania ha ratificato ieri sera con l’approvazione della mozione che invita i tecnici convocati il 19 gennaio in Provincia per la conferenza dei servizi a tenere conto della bocciatura dell’organo consiliare. La mozione è stata presentata dal segretario cittadino del Partito democratico Nicolò Scalfi e, inizialmente destinata a essere discussa in coda al Consiglio, è stata inserita come primo punto all’ordine del giorno con un voto quasi unanime. Di fronte a numerosi cittadini facenti parte del comitato spontaneo nato contro il progetto, sono stati ribaditi i motivi per cui l’operazione non convince: questioni legate all’ambiente e all’ecosistema, l’elevato sfruttamento del torrente per l’idroelettrico, i dettami del Paes – Piano d’azione per l’energia sostenibile, i progetti di inserire il San Bernardino in un parco fluviale e nel Parco nazionale della Val Grande. Al momento del voto i favorevoli sono stati la stragrande maggioranza. Con 23 favorevoli, dei diversi schieramenti, gli unici a non dare il proprio assenso sono stati Massimiliano Zappa, Rossella Contini e Marco Tartari del Partito democratico, e il neoentrato Claudio Ramoni di “Con Silvia per Verbania”. Gli ultimi tre si sono astenuti, mentre Zappa è stato l’unico contrario. Il fatto che a smarcarsi dalla proposta dei democratici siano stati solo membri della maggioranza è un segnale politico rilevante, a maggior ragione se si considera che Tartari è il capogruppo e che l’intero gruppo s’è espresso contro le sue indicazioni, così come aveva fatto al momento di votare l’inversione dei punti all’ordine del giorno. 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.