1

trapanichiampa
VERBANIA – 04.03.2015 – Una carezza al Verbano e una strigliata a Domodossola. Sale di tono il dibattito sul futuro della sanità.

Dopo che i sindaci del lago hanno chiesto e ottenuto dalla Regione un’apertura per discutere della proposta di sanità territoriale e dopo che i sindaci ossolani di sono divisi sulla provocazione delle dimissioni collettive lanciata dal domese Mariano Cattrini, a prendere la parola è il Pd.

Oggi la segretaria provinciale dei democratici, Antonella Trapani, ha scritto una lunga lettera aperta che ha come primo obiettivo il “disobbediente” Cattrini, diventato il capopopolo degli amministratori di centrodestra e non allineato al partito; e che elogia la proposta costruttiva del Pd verbanese e lacustre.

L’intento è quello di marcare una volta di più la linea del partito che governa a Roma, Torino e nei principali comuni del Vco e che deve giocare in difesa. Una linea impostata sulla necessità di cambiamento e ristrutturazione della sanità, sulla responsabilità e contro l’assecondare i malumori della piazza.

Il messaggio è esplicito: non c’è spazio per opporsi alle riforme sanitarie.

La vera sfida del Pd, più che amministrativa, è mediatica nel rapporto con i cittadini. Da sempre, a destra e sinistra, la sanità e gli ospedali sono stati i più efficaci strumenti di propaganda. La salvezza di questo o quel reparto, di uno o dell’altro ospedale, sono stati ciclicamente cavalcati per attaccare, dalla parte avversa, il governo regionale o provinciale di turno. Di fronte alle obiezioni della piazza e al motto “gli ospedali non si toccano”, Trapani cerca di deviare il discorso sulla sanità territoriale, spiegando che l’ospedale non è più il caposaldo dei servizi. Sarà sufficiente a convincere il Vco?

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.