1

malpensa terminal
MALPENSA – 05.01.2016 – Aveva biglietto aereo

e carta d’identità e s’apprestava a partire per Londra come un normale turista, accanto a un amico. Ma è stato l’amico a “tradirlo” e a farlo arrestare come passeur per il reato di favoreggiamento nell’emigrazione clandestina. È accaduto in questi giorni al terminal 2 dell’aeroporto di Malpensa, dove intensi – soprattutto dopo i fatti di Berlino e di Istanbul – sono i controlli delle forze dell’ordine. Un 48enne di Busto Arsizio, in una sorta di riproposizione del film premio Oscar Argo, in cui un agente della Cia faceva esfiltrare con una falsa identità i diplomatici fuggiti dall’ambasciata di Teheran (una storia vera), ha cercato di far salire su un volo Malpensa-Londra Luton un 24enne albanese da poco in Italia, irregolare e in possesso di una carta d’identità italiana contraffatta. Per evitare che qualcuno lo interrogasse rivelando l’italiano stentatissimo dell’amico, il passeur ha cercato di ingannare gli agenti. Che, al contrario, si sono insospettiti chiamando i colleghi esperti in documenti, i quali non hanno faticato a accertare che a un documento valido era stata sovrapposta un’altra foto. Entrambi sono stati arrestati. L’albanese, già rilasciato, per il possesso di un documento contraffatto, l’italiano per favoreggiamento.  

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.