1

ucraini
VERBANIA – 03.01.2017 – Su Verbania spira il vento dell’Est.

A una prima ondata migratoria anni ’80 di stranieri provenienti dall’Africa, soprattutto marocchini e senegalesi, dalla fine della Cortina di ferro in poi è cresciuta una forte presenza di persone provenienti dall’est Europa. Dall’Ucraina, inizialmente sulla spinta del fenomeno delle “badanti”; e dalla Romania, che ha beneficiato dell’ingresso nell’Unione europea e l’ottenimento, con lo status di paese comunitario, dell’opportunità offerta dai trattati di Schengen sulla libera circolazione dei mezzi e delle persone.

In dieci anni (dal 2006) la comunità ucraina è quasi raddoppiata, passata da 278 a 521 persone. Oggi è la prima straniera di Verbania, davanti alla romena, che ha anch’essa più che raddoppiato i proprio appartenenti, che da 216 sono diventati 412. Entrambe hanno scalzato gli albanesi, che erano 321 e sono andati diminuendo progressivamente. Alla data del 31 dicembre 2016 l’anagrafe ne contava 272, -18% rispetto ai 321 del 2006. Ciò ha permesso anche il sorpasso dei cinesi (285 da 180). Seguono, come paesi di provenienza dei verbanesi stranieri, il Marocco con 238 e il Senegal con 125.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.