1

culle vuote
VERBANIA – 03.01.2017 – Anche a Verbania

il 2016 è stato l’anno delle culle vuote. Con 183 nuovi nati s’è toccato il record negativo dell’ultimo decennio, scendendo di due unità al di sotto di quella quota 185 che, fatta registrare nel 2014, è stata la prima al di sotto delle 200 unità. Se poi si considera che di questi bimbi, 51 (il 61%) sono nati in una coppia di stranieri e si calcola la sproporzione tra residenti italiani (28.017, il 90,9%) e stranieri (2.810, il 9,1%), la crisi della natalità è macroscopicamente evidente.

Questa è la fotografia che emerge dai dati demografici della città di Verbania. Dati che segnano una lieve contrazione della popolazione, che con -134 unità (-0,4%) rispetto al 2015 s’attesta a 30.827. Il saldo si determina dai 183 nuovi nati, molti meno dei 406 morti, dai 1.106 immigrati che hanno fissato la residenza in città sostituiti dai 1.017 che se ne sono andati.

Cresce, mantenendo una progressione costante negli anni, il numero delle monofamiglie, cioè i single – soprattutto anziani –: 5.590 su 14.369. La percentuale sfiora ormai il 39%, 4,5 punti percentuali in più rispetto al 2006. Le coppie sono il 29%, le coppie con un figlio il 17,7%, quelle con due il 10,89% (nel 2006 superavano il 12%).

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.