1

partesana alessia tre
BEE – 24.12.2016 – Alessia Partesana

e Marco Tacchini vivevano a Bee da qualche mese. Sino all’inverno scorso avevano in affitto un appartamento a Zoverallo, frazione di Verbania. A Bee, paese di poco meno di 800 anime a 600 metri di altitudine non distante da Premeno, erano una coppia normale che mandava una bimba all’asilo del paese e che aveva problemi relazionali contenuti però tra le mura domestiche. Lui, 33 anni, italiano di origini argentine, è molto conosciuto anche a Verbania. Grafico di professione, appassionato di tatuaggi, elettronica e di droni, lo si vedeva spesso in compagnia di un cane molossoide. Lei di anni ne aveva 29. Dopo aver avuto una figlia da una precedente relazione, s’era rifatta una vita con Marco, dal quale ha avuto la bambina che stanotte, nel momento in cui si consumava la tragedia, dormiva in camera da letto.

Operatrice socio sanitaria, Alessia da pochi mesi era stata assunta con un contratto a tempo indeterminato all’Opera pia “Domenico Uccelli” di Cannobio e s’apprestava a essere impiegata nel nucleo Alzheimer, reparto di eccellenza della struttura. Stamane i colleghi l’aspettavano perché prendesse servizio. Non vedendola arrivare, hanno pensato avesse avuto un male di stagione; poi è giunta la notizia che li ha lasciati sconvolti. Commozione e incredulità sono i sentimenti che pervadono anche la comunità di Bee e gli amici della coppia e della famiglia, il cui pensiero principalmente va a quella bimba rimasta senza la mamma e con il papà accusato d’averla uccisa.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.