1

cane cartello cavour
VERBANIA – 16.12.2016 – In principio (ieri)

fu un cartello, un divieto di accesso ai cani – anche se la sagoma disegnata sembra più quella di un lupo – posizionato in un punto in cui si poteva equivocare l’efficacia.

Va avanti da ieri su Facebook e sui social network la diatriba sul cartello fatto collocare dall’Amministrazione comunale nell’ultimo tratto di via San Vittore, all’incrocio con piazza Cavour. Un cartello che, abbinato a quello che disciplina l’accesso alla ztl, sembrava dover indicare che il centro storico intrese fosse vietato ai cani. Su questa interpretazione s’è accesa una polemica tra animalisti, non animalisti, amanti del senso civico e normali cittadini, che ha occupato non poco l’attenzione e le tastiere dei verbanesi che si sono iscritti alla contesa “social”.

Stamane il Comune s’è affrettato, con una solerzia impeccabile, a far spostare il cartello di mezzo metro, collocandolo all’inizio dell’area verde ricavata con la demolizione della vecchia edicola e con la posa di due panchine circolari in ghisa.

Il cartello significa che lì è vietato portare i cani (e, quindi, non i lupi) – ha precisato sempre via Facebook il sindaco Silvia Marchonini volendo con ciò evitare ogni ulteriore polemica e spiegando che il provvedimento è d’obbligo contro l’indecenza di chi non recupera i “bisogni” del proprio cane come norma impone. Il dibattito comunque è proseguito e prosegue tra chi invoca l’uso delle telecamere per punire gli incivili, chi si chiede perché quel divieto solo in quel punto e non in altri (peraltro non c’è nemmeno un’ordinanza specifica), chi accusa l’inciviltà dilagante, chi plaude al primo cittadino… Di sicuro la notizia di un cartello messo e spostato ha suscitato molte più reazioni e dibattito di argomenti amministrativi di più alto valore o ricadute.  

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.