1

App Store Play Store Huawei Store

cinghiale

GHIFFA - 02-09-2021 -- “Questa volta ho avuto davvero paura”. È un incontro “ravvicinato” con un cinghiale la brutta avventura vissuta ieri sera, nel centro di Ghiffa, da Pierre Gelil. Imprenditore ed ex consigliere comunale, vive insieme alla mamma in via ai Motti, appena alle spalle del lungolago, in un luogo che da qualche mese è diventato il punto di riferimento di un ungulato. “Un esemplare di grandi dimensioni, probabilmente una femmina – racconta –. Arriva di notte e circola attorno alle case. Ha praticamente arato il terreno sopra di noi (vedi foto, ndr) e ieri me lo sono trovato davanti, a breve distanza. Sbuffava e ho avuto paura: sono corso a casa e non sono nemmeno uscito a recuperare il materiale che avevo lasciato in auto”.

La presenza dei cinghiali è stata segnalata più volte. “Ma nulla è stato fatto – prosegue –. Ho letto dei problemi della Provincia, ma non possiamo rimetterci noi cittadini e la nostra sicurezza. Chi di dovere, intervenga e lo faccia al più presto”.

Nel 2021 s’è registrata in tutto il Verbano una forte presenza di questa specie all’interno dei centri urbani. Accade a Ghiffa, a Premeno e anche a Verbania. La polizia provinciale ha dato il via libera a un piano di abbattimento che ha coinvolto i cacciatori ma, a fronte di denunce presentate alle autorità da cittadini contrari alla caccia o spaventati dai colpi esplosi, li ha successivamente ritirati per -così ha riferito il comandante in una nota inviata ai sindaci- evitare che subissero il sequestro delle armi o procedimenti giudiziari.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.