1

App Store Play Store Huawei Store

idea

STRESA - 27-07-2021 - "Fermi la passerella fra Isola dei Pescatori e Isola Bella" è l'appello che Italia Nostra sez. Novara, Legambiente “Il Brutto Anatroccolo” di Verbania e Legambiente “Gli amici del lago” Sud Verbano e Cusio lanciano al Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio tramite una lettera aperta.

I timori delle associazioni ambientaliste sono diversi. Intanto l'aumento dei flussi turistici "mordi e fuggi" su un territorio fragile e limitato porterebbe una pressione "insostenibile", inoltre la passerella modificherebbe un paesaggio identitario e riconoscibile, oggi di per sé già fattore di promozione turistica in tutto il mondo.

Legambiente e Italia Nostra proprio in questi giorni sono tornate a proporre il vecchio progetto di candidare le Isole del Verbano e l’Isola di San Giulio per l’iscrizione a Patrimonio dell’Umanità UNESCO. E' certo che se prendesse piede la proposta di alcuni operatori turistici della realizzazione di un collegamento pedonale, a mezzo ponte, tra l'Isola dei Pescatori e l'Isola Bella, la candidatura diverrebbe improponibile.
Tuttavia la passerella è stata inserita dalla Regione nell’elenco delle opere per le quali è stato chiesto il finanziamento all’interno del Piano Nazionale di ripresa e resilienza e nonostante non si conoscano ancora gli esiti della richiesta le associazioni ambientaliste provano a fare pressione sul presidente.

 La lettera:
La proposta di realizzare passerelle galleggianti non è condivisa dalle associazioni scriventi, “tuttavia – si legge nella lettera - ha il merito di riproporre un tema: quello della sostenibilità della pressione turistica su territori già fortemente coinvolti. La finalità dichiarata dell’iniziativa è quella promozionale, ossia produrre l’effetto di un accresciuto afflusso turistico, e quindi una pressione con picchi insostenibili, su territori che già peraltro sono turisticamente avvantaggiati. […] come terre così limitate e fragili, quali sono quelle delle due piccole isole, possano sostenere nuove pressioni turistiche richiamate da una realizzazione finalizzata proprio a questi intenti? A noi pare che da parte degli ideatori sia mancata qualsiasi valutazione sugli effetti negativi che l’attuazione del progetto avrebbe sotto il profilo della sostenibilità della pressione antropica.

A quanto sin qui argomentato, si aggiunge il rilievo, estremamente critico, che riguarda gli effetti sul paesaggio che l’iniziativa determinerebbe. Uno dei quadri paesaggistici tra i più consolidati e conosciuti, anche e soprattutto a livello internazionale, fortemente identitario ed esso stesso diventato fattore di promozione turistica […], verrebbe, si dice temporaneamente, ma comunque per anni, modificato se non stravolto”.

Una operazione di tal genere incentiverebbe il turismo giornaliero, “mordi e fuggi. I nostri laghi non hanno bisogno di turismo di massa, ma di viaggiatori attenti e scrupolosi che rispettino il territorio. Il valore aggiunto dei nostri laghi sono l’ambiente, la cultura, le ville, i giardini e lo stesso paesaggio lacustre, non certo passerelle da luna park.

Le associazioni scriventi concludono auspicando che la proposta non trovi l’avvallo dei governi locali, ad iniziare da quello della Regione Piemonte. Auspicio a cui si unisce Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta.

 

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.