1

App Store Play Store Huawei Store

san giuseppe

VERBANIA - 10-01-2021 -- La seconda ondata è più mortale della prima. La fotografia dell’impatto del Covid-19 sulla popolazione del Vco la fornisce la statistica. Istat e Istituto superiore di sanità hanno fornito i numeri che il primo ha elaborato in uno studio pubblicato il 30 dicembre.

Uno studio che mette a confronto la mortalità media generale delle province nel quinquennio 2015-2019 con quella del solo 2020, mese per mese senza dicembre e con il dato di novembre parziale (in attesa delle verifiche definitive sanitarie e anagrafiche). Il bilancio del 2020 sul 2015-2019 è positivo, nel senso che sono decedute più persone rispetto al passato. Sono state, in termini assoluti, 231 (2.076 contro 1.845), percentualmente pari al 12,52.

L’andamento del 2020 ha avuto una curva differente a quella media storica, con due picchi in corrispondenza della prima e della seconda ondata del Covid-19. L’anno era iniziato in flessione (-12,1% nella somma di gennaio e febbraio), ma poi a marzo s’è balzati a +47%, e ad aprile addirittura a +71,1%. Non si può dire che sia stato il peggio perché la seconda ondata ha picchiato più forte, con il dato di novembre (sempre parziale) schizzato a +75,8% dopo che già a ottobre s’era cresciuti del 19%. In mezzo c’è stata un’estate di flessione, un assestamento comprensibile alla luce degli elevati decessi di marzo e aprile.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.