1

App Store Play Store Huawei Store

dea vb 10

VERBANIA - 09-01-2021 -- Due ospedali pubblici e completi (entrambi con Dea) in prospettiva, il ritorno alla normalità e il recupero degli arretrati nel breve-medio periodo. È questo il futuro assetto della sanità che propone la componente civica del centrodestra verbanese. Porta la firma di Insieme per Verbania e Prima Verbania l’ordine del giorno che, depositato nei giorni scorsi, ripropone il tema della sanità nel dibattito pubblico provinciale. Con una variante rispetto a tutti i discorsi pre-pandemia, cioè il superamento della proposta dell’ospedale unico baricentrico. È su questo progetto che i due gruppi, andando contro la Lega (Prima Verbania è nata proprio dai tre eletti nel Carroccio che fuoriuscirono quando la Regione propose la costruzione di un nuovo ospedale a Domo e il declassamento di quello di Verbania), virarono a fine 2019. Una posizione superata dai fatti e che viene abbandonata formalmente proprio con quest’ordine del giorno, che chiede a Tino di “articolare l’offerta sanitaria del Vco su due poli ospedalieri pubblici a Verbania e a Domodossola dotati entrambi di Dea di primo livello pienamente operativi, dotati di tutti i reparti previsti dalle normative vigenti collegati ai Dea e reparti di cura adeguatamente attrezzati, senza intaccare minimamente la funzionalità dell’ospedale di Omegna, la cui stabilizzazione come Centro Ortopedico di Quadrante è oggi un dato di fatto oltre che di forma, lavorando anche per il potenziamento di questo presidio ospedaliero”.

Questo è l’obiettivo di lungo periodo, che s’accompagna al potenziamento dei trasporti d’emergenza e della medicina territoriale. Prima, però, si chiede alla Regione che, superata l’emergenza Covid-19, tutte le attività momentaneamente sospese siano ripristinate e che si attui un piano per recuperare le prestazioni rinviate.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.