1

marcella severino

STRESA - 22-09-2020 -- Ribaltone a Stresa.

Le elezioni comunali sovvertono gli esiti delle ultime tre tornate amministrative e proiettano sullo scranno di sindaco di Stresa, città di cui è già stata asessore negli anni ‘90 e nei primi anni Duemila e che l'ha vista per 15 anni all'opposizione, Marcella Severino di “Progetto Comune”. L’ex assessore provinciale al Bilancio, già segretaria provinciale della Lega, nel 2015 perse contro Giuseppe Bottini. Questa volta, non solo ha sopravanzato il sindaco uscente -sonoramente bocciato dalle urne- ma anche l’ex primo cittadino Canio Di Milia, che con la lista “Grande Stresa” è sceso nuovamente in campo proprio in antitesi al suo vecchio vice Bottini. Di Milia non è andato oltre il 36,8% delle preferenze (923), a 6,46 punti percentuali dalla rivale, che con il 1.085 preferenze e il 43,26% assoluto, è stata la più votata. Terzo, come detto, Bottini, il cui 13,27% gli consente di strappare un seggio in Consiglio comunale, a discapito dell’ex comandante dei vigili Alfredo Macrì Del Giudice, premiato da soli 167 elettori (6,66%) e fuori da tutto.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.