1

tribunale aula a vuota

VERBANIA - 19-09-2020 -- È, fra tutte le manovre

che si possono fare con l’auto, la più pericolosa in assoluto. Imboccare lo svincolo in contromano ed entrare in autostrada rischia di provocare incidenti, anche gravi. In parte ciò che è accaduto a una donna di 65 anni che, attorno alle 20 del 2 settembre 2017, al volante di una Toyota Yaris, prese l’uscita della superstrada di Premosello Chiovenda (in località Migiandone di Ornavasso) in senso contrario, sbucando di fronte alle vetture che risalendo la valle del Toce si dirigevano a nord. Tra queste un’Opel Mokka il cui conducente, scartando a destra, la evitò per pochi centimetri. Non fu fortunato il guidatore dell’Opl Corsa che sopraggiungeva. L’impatto avvenne quasi frontalmente e la Yaris, rimbalzando all’indietro, finì col centrare la Mokka nella ruota posteriore sinistra. Il bilancio di quell’incidente con tre veicoli coinvolti fu di un solo ferito, la passeggera della Corsa. Per le sue lesioni l’automobilista di 65 anni è a processo al tribunale di Verbania. Deve rispondere delle lesioni colpose provocate alla parte offesa. Il sinistro è stato ricostruito in aula dall’operante della Polstrada che intervenne quel giorno. Il processo è stato aggiornato per discussione e sentenza al 10 dicembre.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.