1

manif

VERBANIA - 30-06-2020 -- L’industria manifatturiera

del Vco è in crisi. Sono tutti negativi i dati economici del comparto nel primo trimestre del 2020. Lo afferma la Camera di commercio del Vco nel report che registra il calo di produzione (-9,6% rispetto al primo trimestre 2019) e fatturato (-11,3%). La discesa è molto marcata, più della media piemontese, rispettivamente -5,7% e -4,8%. E le prospettive non sono migliori, perché si registra la diminuzione degli ordinativi, sia interni (-9%), sia esteri (-11,4%). I problemi riguardano tutti i settori, a iniziare dal metalmeccanico (-11%), dai metalli (-10%), passando per le altre manifatture (-8%) e il chimico (-4,8%). Ciò ricade sul fatturato, sceso di quasi un quinto nel tessile.

Intervistati sul futuro, gli imprenditori si dicono pessimisti anche per la seconda parte del 2020. Più dei due terzi si aspettano un ulteriore calo superiore ai 5 punti percentuali.

Le ragioni della crisi sono in larga parte da ricercare nell’epidemia di Covid-19. Lo dichiarano gli stessi imprenditori nella specifica rilevazione di Camera di commercio e Infocamere. Più del 90% ha subito cali di fatturato e produzione. Di questi il 58% lo quantifica in una flessione di oltre il 20%. Il 76% degli intervistati ha fatto ricorso alla cassa integrazione; il 60% dichiara di voler cercare nuovi clienti e mercati per risollevarsi.

 

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.