1

tribunale 16
VERBANIA - 13.09.2019 - Scagionati
dai filmati della videosorveglianza. È guardando i filmati in aula, di fronte agli imputati e potendoli riconoscere dal vivo, che il giudice Annalisa Palomba s'è convinta che non sono responsabili di danneggiamento aggravato. In tre, giovani residenti provincia, dovevano rispondere -insieme ad altri quattro amici- del caos accaduto il 18 giugno 2016 nel parcheggio interrato di villa Caramora, in via Simonetta a Intra. I carabinieri del Nucleo radiomobile erano intervenuti sulla segnalazione di atti vandalici accaduti di notte. Nella fattispecie ignoti avevano divelto la telecamera del parcheggio dal quale avevano anche rubato un estintore che, svuotato imbrattando di polvere le automobili, era stato abbandonarlo vuoto dopo il raid sul lungolago. Le indagini condotte proprio attraverso l'utilizzo della videosorveglianza, hanno portato la Procura a individuare sette presunti vandali. Tre hanno chiesto la messa alla prova offrendosi di svolgere lavori socialmente utili. Uno deve ancora definire  la propria posizione perché il giudice ha rimandato il fascicolo alla Pocura a causa di un vizio di forma. I tre rimasti ieri si sono presentati in aula. I due che avevano scelto il rito abbreviato sono stati assolti. Per l'altro, il magistrato ha pronunciato il proscioglimento.
 
 
 
 
 
 
 
 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.