1

GN4 DAT 216680181

MACCAGNO - 10.09.2019 - Nelle prime settimane del 2020,

salvo imprevisti, partiranno i lavori per far sì che la Guardia di finanza possa disporre di un pontile lungo 24 metri  collocato praticamente sotto la dogana di Zenna, valico di frontiera fra la provincia di Varese e lo svizzero Canton Ticino. Il nuovo pontile galleggiante, il cui progetto è stato curato dall’Autorità di bacino del lago Maggiore, servirà principalmente all’attracco delle imbarcazioni della Guardia di Finanza appunto, ma consentirà anche l’approdo di imbarcazioni private. Per il sindaco del Comune di Maccagno con Pino e Veddasca, l'opera sarà importante anche sotto il profilo della sicurezza.

Il progetto prevede, tra l'altro, l'installazione dei lampeggianti per indicare la presenza del molo e delle bitte a galloccia per l’ormeggio temporaneo dei diportisti. Il pontile sarà galleggiante, in modo da non avere problemi con le salite e le discese del livello del lago.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.