1

creditori vco fuo

VERBANIA - 10.01.2019 - Ance dice no al dissesto.

Anche l’Associazione dei costruttori affiliata a Confindustria esprime preoccupazione per la situazione dei conti dell’ente provinciale. “Fortissima preoccupazione desta la decisione della Provincia del Vco di proclamare il 'dissesto' o qualsiasi altro atto che metta a rischio i crediti del comparto edile. Le imprese per anni hanno lavorato al servizio del territorio, e non vogliono pagare le conseguenze di errori o leggi sbagliate dello Stato”. Così Mauro Piras, vicepresidente Ance Piemonte: “A tal proposito, insieme all’Unione industriale del Vco, abbiamo già richiesto alla Provincia un incontro urgente. Provincia che ha affidato lavori 'inderogabili' per la manutenzione delle infrastrutture e le aziende si sono prestate nell’interesse dei cittadini, avendo quale fine non il mero utile di impresa, bensì il senso di responsabilità verso un territorio con cui si confrontano quotidianamente”. I dati del comparto sono spietati: “Il Vco negli ultimi anni ha perso 1.500 lavoratori edili e oltre 200 imprese, con il dissesto si perderebbero almeno altri 300 posti lavoro”.

Poi l’attacco alla politica: “I governi precedenti ed attuali salvano Ilva e banche, ma la Regione Piemonte rimane sorda alle richieste di salvare i crediti delle aziende per tutelare i lavoratori impiegati. Per sanare tutto il pregresso nei confronti delle aziende - afferma Piras - sarebbero sufficienti 12 milioni di euro: la Regione deve comprendere che il costo sociale che si paventa con il licenziamento di circa 300 dipendenti inciderebbe in maniera ben più pesante sull’economia del territorio”.

Nella foto il sit-in dei creditori della Provincia davanti alla sede di Fondotoce

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.