1

mont nas cri

VERBANIA – 26.12.2018 – Il Natale dei parlamentari

quest’anno non è stato di vacanza. A Montecitorio è corsa contro il tempo per approvare in via definitiva, entro il 31 dicembre, la legge finanziaria. L’assemblea è convocata per domani e dopodomani e, così, anche ai nostri esponenti locali di Novara e Vco –in ordine alfabetico: Enrico Borghi, Davide Crippa, Mirella Cristina, Alberto Gusmeroli, Marzio Liuni e Diego Sozzani– tocca far la spola con Roma anche dopo le abbuffate a tavola di Natale e Santo Stefano. Al di là dell’ultimo voto, con l’avvicinarsi di fine anno è possibile fare un bilancio della loro attività. Lo si può fare grazie alle statistiche del sito Openpolis e della sua sezione Openparlamento, che dà conto dell’attività di tutti i deputati.

In quanto a presenze, gli stakanovisti sono i leghisti. Come ci si attende dagli esponenti della maggioranza, Gusmeroli e Liuni hanno mancato poche sedute. Il sindaco di Arona ha votato il 98,21% delle volte, mentre il novarese il 93,19%. Non inganni questo dato perché a esso va aggiunto il 6,21% di missioni parlamentari, cioè sostanzialmente assenze per impegni istituzionali. Discorso analogo per l’altro membro della maggioranza giallo-verde. Il sottosegretario di Oleggio Crippa ha marcato il 7% di assenze. Il restante 93% si divide tra missioni (79,28%) e presenze (13,72%). L’ossolano Borghi assolve con assiduità il suo compito di “cane da guardia” del Pd contro il governo pentastellato, con il quale ha battagliato in aula nel 91,90% delle occasioni. Meno presente l’ex presidente della Provincia di Novara Sozzani, che comunque ha votato l’85,59% delle volte. La “maglia nera” tra i nostri esponenti locali spetta alla collega di partito (Forza Italia) Cristina, che è mancata al 22,95% delle sedute. Solo 2 dei 23 eletti nella circoscrizione Piemonte 2 hanno fatto peggio di lei: Osvaldo Napoli di Fi (37,21%) e Chiara Giribaudo del Pd (23,85%). Nella classifica assoluta della Camera è 512esima su 629.

Al Senato, dove i deputati sono la metà e la maggioranza più risicata, chi sta in maggioranza non può distrarsi. In questo senso Enrico Montani, senatore verbanese della Lega, è stato sin qui sempre presente. Ha votato 2.184 volte su 2.184, ottenendo il 100%, lo stesso del suo omologo novarese (m,a di Fratelli d’Italia e, quindi, in minoranza) Gaetano Nastri. 98,99% è la percentuale di Carlo Martelli, il novarese eletto con il M5S che, dopo le polemiche sui mancati rimborsi delle indennità percepite nella scorsa legislatura, non ha abbandonato Palazzo Madama ma s’è collocato nel Gruppo Misto.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.