1

slot

VCO - 23-12-2018 - Mettete da parte le tombolate natalizie e le serate di festa passate a giocare a carte o al gioco del mimo tra amici, sono passati di moda, nel VCO è il gioco d'azzardo quello che piace. Nell’inchiesta condotta da Visual Lab per le testate del gruppo Gedi sui giochi gestiti dai Monopoli dello Stato e per le slot (su dati di Agenzia delle Dogane e dei Monopoli), il VCO è tra le province segnate in "nero", quelle nelle quali più soldi vengono bruciati alle "macchinette", ma anche ai Gratta e vinci, al Superenalotto, ai concorsi a pronostici. 1530 euro pro capite, questo il dato. Sin troppo facile la considerazione che per quanti non giocano o in un anno spendono solo pochi euro, esiste un piccolo esercito di giocatori d'azzardo che brucia cifre sin troppo importanti.
Nella sola Verbania nel 2017, si sono spesi in giocate 49,93 milioni di euro, una cifra pro capite di 1.626 euro. Risulta al 702mo posto su 7954 comuni italiani nella classifica generale per giocate pro-capite.
Considerando solo le città delle stesse dimensioni (fino a 50mila residenti) è al posto numero 659 su 7100 comuni. Sui quasi 50 milioni di euro spesi, ne sono rientrati sotto forme di vincite poco più di 38. E' nelle videolottery (le cosiddette VLP) che finiscono la maggior parte dei soldi dei verbanesi (22,78 milioni), seguono le slot (cosiddette Awp) con circa 13milioni,  le lotterie istantanee (6,82) e il lotto (4,09 milioni).
L'indagine “L’Italia delle slot 2 - Quanto giocano gli italiani”, dedica anche un approfondimento alle macchine da gioco, dove relativamente a Verbania si evince che dal 2015 al 2017, c'è stata un diminuzione di soldi spesi nelle "macchinette", passati dai 50 milioni a poco più di 35 (sommando Vlp e Awp) e un consistente calo del numero di apparecchi, passati dai 411 del 2015 ai 265 di oggi. Un decremento che potrebbe essere effetto delle restrizioni della legge Regionale sul Gioco d'azzardo, recepita dal Comune di Verbania attraverso il suo regolamento.
Ma se Verbania va oltre, seppur di un centinaio di euro, alla media provinciale, in altri centri la spesa pro capite è ancora superiore. A Cannobio si arriva a 3.389 euro pro capite (17,59 milioni); a Gravellona 3.484 (27,48 mln), 2.877 a Domodossola (52,48 mln più del totale di Verbania).
Nota finale: in Italia nel 2017 sono stati spesi al gioco 101,8 miliardi di euro, oltre 5 miliardi in più del 2016. 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.