1

mcanale

VERBANIA - 08.11.2018 - “Il ruolo delle donne durante la Grande Guerra”

è il titolo della mostra ideata dalla professoressa verbanese -oggi in pensione- Maria Canale (nella foto), che nel tempo, partendo dal dato di fatto che i testi scolastici e i libri di storia trascurassero il ruolo delle figure femminile, ha raccolto numeroso materiale. Ne è nata così una mostra nata che, immaginata quando insegnava italiano e storia all'istituto "Ferrini", una volta presentata alle istituzioni ha raccolto apprezzamenti e consensi tanto da approdare a Roma, alla Casa della memoria e della storia. Lì avverrà alle 16 di domani l'inaugurazione ufficiale di questo lavoro che "ha un duplice obiettivo: ricordare il centenario della Grande Guerra - spiega Canale - e avvicinare studenti e pubblico a tematiche femminili. Ho voluto raccontare donne di cultura e nazionalità diverse; tutte quante hanno contribuito al progresso e al riconoscimento dei diritti di cui oggi possiamo godere e hanno operato nella stessa epoca perché donne, in quanto donne, semplicemente donne, disperatamente donne, fortissimamente donne".

Sono cinquanta i pannelli che contraddistinguono la mostra, suddivisa in quattro aree tematiche: le donne fra pacifismo e interventismo, associazionismo e volontariato, le donne e il lavoro, moda e propaganda. Si raccontano storie di donne di nazionalità e religione differenti, laureate o semianalfabete, poetesse e contadine, crocerossine e insegnanti, medici e postine, spie e collaboratrici, attrici e creatrici di moda, famose e no, che hanno vissuto quel periodo. All'inaugurazione prenderanno parte personalità del mondo delle scuola e delle associazioni.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.