1

a b393507ee96bad6d9d33acf59db30b7f

BELLINZONA - 07.11.2018 - De profundis per la Lia.

Al termine di un lungo dibattito, il Gran Consiglio ticinese ha deciso oggi di abrogare la tanto discussa legge sulle imprese artigianali - Lia, appunto - in vigore dal febbraio del 2016. Per la revoca 47 i voti a favore, mentre 11 sono stati i contrari e 13 gli astenuti. La Lia obbligava di fatto tutte le imprese artigiane italiane operanti oltreconfine ad iscriversi all’apposito albo. Il tutto previa presentazione di un’adeguata documentazione comprovante l’effettiva qualificazione nel settore di riferimento e relativo versamento di 600 franchi (neo iscrizione) o 400 franchi (rinnovo). Ora si dovrà lavorare per colmare il vuoto legislativo.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.