1

franaSS34 2013

CANNOBIO - 12.10.2019 - Si terrà martedì prossimo,

16 ottobre nell'aula consiliare del Comune di Cannobio, la firma del protocollo di intesa tra Regione Piemonte, Anas, Unione del Lago Maggiore e i Comuni di Cannobio, Cannero Riviera, Oggebbio, Ghiffa e Verbania per la realizzazione dei primi interventi di mitigazione del rischio idrogeologico e di messa in sicurezza dei versanti lungo statale 34.
Il protocollo, ha peraltro l’obiettivo di concordare le competenze tecniche ed economiche di ciascuna parte dove la Regione tramite i Comuni s'impegna a sistemare i versanti, mentre in capo ad Anas sono le 4 gallerie paramassi (progetti e rilievi inclusi). 
Il documento conferma i 25 milioni di euro destinati alla messa in sicurezza dei versanti dal confine di Stato a Ghiffa, stanziati dalla Regione attraverso il Fondo coesione sociale; 27milioni per la realizzazione di due gallerie paramassi nel territorio di Cannobio; ed 8 milioni per ulteriori interventi di messa in sicurezza (totale 35 milioni stanziati dal ministero delle Infrastrutture attraverso il contratto di programma 2016/2020 con Anas).
Già in corso, e coperti con 427mila euro "extra" da Regione e Comuni, gli studi sull'assetto geo-morfologico che condurranno ai progetti di messa in sicurezza dei versanti commissionati dall'Unione dei Comuni col benestare della Regione, al Dipartimento di Ingegneria del Territorio del Politecnico di Torino.
Martedì sia il professore dell'ateneo torinese che si sta occupando degli studi sui versanti dal Confine a Ghiffa, sia il geologo incaricato da Anas per dei rilievi sui punti interessati dalle gallerie, illustreranno ai presenti lo stato di avanzamento degli studi che preludono alla progettazione degli interventi che potrebbe essere pronta per la primavera.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.