1

tribunale8

VERBANIA – 01.10.2018 – Un altro rinvio,

un’ultima occasione per risarcire quanto già promesso e concludere il processo senza discussione e sentenza. Cinque settimane è il tempo che il giudice Annalisa Palomba ha concesso al deejay cannobiese Marco Folli per trovare l’accordo con l’imprenditore di Baveno costituito parte civile nel procedimento che vede Folli imputato di truffa. La vicenda risale alla primavera del 2015, quando il cannobiese prese alcune attrezzature a noleggio per conto di un locale in Canton Ticino che l’aveva ingaggiato per alcune serate musicali. La cifra pattuita era di 1.800 franchi, circa 1.700 euro. Il materiale fu regolarmente consegnato e utilizzato ma, quando fu il momento di pagare, anziché finire al noleggiatore (che aveva fatturato all’impresa svizzera), il denaro andò al deejay, che l’incassò dicendo che avrebbe provveduto lui a consegnare la somma.

Il fornitore sporse denuncia e Folli è finito a giudizio per truffa. La prima udienza del processo s’è celebrata nel maggio 2017, più di un anno fa. Dopo due rinvii accordati perché pendevano trattative, era stato raggiunto un accordo per il risarcimento e la remissione della querela. Il deejay aveva consegnato l’assegno con la cifra concordata. Assegno che è risultato scoperto, motivo per cui –incassata anche la remissione del mandato da parte dell’avvocato difensore– il procedimento è ripartito con due difensori d’ufficio nominati uno dopo l’altro e con un’udienza rinviata per mancanza dell’imputato. Oggi Folli ha acconsentito a sottoporsi all’esame e al giudice ha raccontato di aver avuto difficoltà personali e problemi familiari in quel periodo, dicendosi però disposto a risarcire. Il magistrato ha dichiarato chiuso il dibattimento e aggiornato il processo all’8 novembre. Se per quel giorno non si sarà completato il pagamento, si procederà con la discussione e la sentenza.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.