1

campo nomadi generico
VERBANIA – 08.07.2015 – Dieci mesi e 20 giorni

da scontare ai domiciliari nel campo rom in cui risiede, con 267 euro di multa e il risarcimento di 100 euro alla famiglia a cui ha scassinato la serratura tentando di rubare in casa.

È questa la condanna inflitta - tramite patteggiamento - stamane dal giudice Raffaella Zappatini a Susanna Radulovic, la ventisettenne cittadina croata di etnia rom arrestata la scorsa settimana per tentato furto

Erano stati i carabinieri del Radiomobile di Arona, con tempismo, a fermarla alle 11 del mattino in compagnia di un’adolescente di dieci anni, probabilmente utilizzata per distogliere i sospetti. Nella borsa la donna aveva una chiave inglese compatibile con l’attrezzo usato per forzare il nottolino dell’appartamento. Arrestata in flagranza e accompagnata al tribunale di Verbania, le era stata negata la scarcerazione. Ha trascorso gli ultimi giorni al carcere di Vercelli, dove non tornerà perché potrà scontare la pena a casa. Radulovic, che ha una dozzina di pagine di precedenti penali, è incinta e già madre di sei figli.  

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.